Ricordando Gino Saporiti – Esposizione di chine, acquerelli, oli

2017_mostra_gino_saporitiLa Pro Loco Fagnano Olona e l’Associazione “Amici di Rossella” Onlus, con il patrocinio non oneroso del Comune, organizzano “Ricordando Gino Saporiti“, una esposizione chine, acquerelli ed oli realizzati dall’artista fagnanese recentemente scomparso.

Gino Saporiti amava ritrarre scorci della Valle Olona e dei luoghi in cui è nato e vissuto. La Valle Olona è stata il soggetto principe dell’artista,  che dipingeva anche paesaggi marini, montagne e borghi antichi. Spesso si dilettava con pitture astratte, utilizzando diverse tecniche, dalla matita all’acquarello fino alla pittura ad olio.

Il ricavato dalla vendita dei quadri esposti verrà devoluto all’Associazione “Amici di Rossella” Onlus, che opera con l’Hospice di Busto Arsizio nell’assistenza in struttura e domiciliare di malati terminali.

L’esposizione sarà visitabile dal 18 al 26 marzo 2017 nella Sala del Camino al Castello Visconteo (piazza Cavour) di Fagnano Olona, nei giorni Festivi dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 19, mentre nei giorni Feriali dalle ore 15 alle 18.

Saporiti-GinoAbbiamo avuto il piacere di ospitare le opere dell’amico Gino Saporiti negli anni scorsi – raccontano la Presidente della Pro Loco Armida Macchi ed il suo Vice Paolo Bossie tali esposizioni hanno sempre raccolto apprezzamenti per la bellezza sia dei soggetti ritratti sia per la bravura dimostrata da Saporiti.

Siamo contenti di poter ricordare Gino con questa esposizione nella Sala del Camino. Sarà come averlo ancora tra noi, per non dimenticare quanto fatto, e neanche la sua pazienza e cortesia, che ha sempre dimostrato verso la Pro Loco partecipando alle nostre manifestazioni e rendendosi disponibile con i suoi dipinti a fare conoscere angoli poco noti della nostra Fagnano.

2017_mostra_saporiti_01Gino Saporiti ha racchiuso secoli di storia fagnanese in piccoli capolavori incorniciati, che fanno rimanere i tanti visitatori a bocca aperta.

Saporiti è un artista che si è dilettato a disegnare in genere utilizzando la tecnica a china per oltre cinquant’ anni, avendo iniziato in giovane età, prima per hobby e poi coltivando sempre più approfonditamente la sua passione. Per ottenere il formidabile risultato che è possibile ammirare in questa esposizione, grazie alla disponibilità della Pro Loco, nella Sala del Camino all’interno del Castello Visconteo, il pittore ricordava sempre che per ogni quadro serve davvero tanto tempo soprattutto nel dare maggiore attenzioni ai particolari e più si da la prospettiva al ritratto.

Uno dei soggetti maggiormente riprodotti nei quadri è sicuramente il Castello Visconteo fagnanese, che per struttura, forma e colori è la cornice scenografica migliore che attrae l’attenzione visiva.

Ogni volta che si ospita una mostra di questo tipo, che esalta le bellezze e la storia locale di Fagnano e dei paesi limitrofi, si risveglia l’anima del paese e siccome alcuni quadri riportano edifici o luoghi oggi non più esistenti oppure seriamente modificati scatta anche la curiosità del visitatore nell’andare a capire e ricercare la giusta collocazione.


RASSEGNA STAMPA