L'antico Mortaio

Torna agli itinerari Culturali di Fagnano Olona


fotografie: Paolo Bossi e Fausto Bossi

Un nuovo autentico pezzo di storia è arrivato al castello, pronto per essere ripulito e messo in vetrina.

Si tratta di un antico mortaio per granaglie, olive e spezie, ricavato da un cubo di serizzo con spigoli della misura di circa sessanta centimetri.

Nella facciata superiore della pietra è scavata una cavità a forma di imbuto dove i cereali o i vari prodotti venivano introdotti per essere macinati con un pestello di legno, usato per battere o frantumare con un moto rotatorio, secondo un antico procedimento praticato fin dall’età primitiva preistorica.

Già nel 1920 un autorevole professore svizzero, Scheuermeier durante un suo completo lavoro di indagine linguistica ed etnografica svolto nell’area insubre segnalava la presenza di diversi mortai di pietra, della cui funzione si era perso completamente il ricordo.

Non a caso certamente questi antichi attrezzi si trovano in disuso nelle fattorie anche della nostra zona.

Oggi questi storici cimeli vengono purtroppo accantonati in un cortile, in qualche stalla o in qualche vecchia cascina che custodisce gelosamente i cari ricordi di un’epoca passata, che nonostante tutto rimangono affascinanti e molto interessanti nel loro genere e per la passione con cui vengono tramandati alle nuove generazioni.

Questi formidabili attrezzi primitivi tornarono in vigore dal 1868 al 1883, quando l’imposizione di una nuova tassa sui prodotti macinati costrinse i poveri contadini lombardi a riutilizzare il mortaio “casalingo” al fine di eludere il pagamento dell’odioso balzello, da versare al mugnaio al momento della macinazione ad esempio del grano.

I nostri avi nelle loro semplici abitazioni dovevano avere oltre al forno anche un proprio “mulino”, adatto a macinare la modesta quantità di farina per uso domestico che serviva al sostentamento della famiglia.

l'antico mortaio donato alla Pro Loco, che ha provveduto alla sua pulitura, ponendolo all'interno del cortile del Castello Visconteo

la facciata superiore del mortaio, con la cavità a forma di imbuto

Richiedi il pregevole libretto illustrativo:

L'antico mortaio oggi conservato nel Castello Visconteo

Costituito da una solida base di pietra cilindrica a sviluppo orizzontale, il pestello veniva azionato a mano dalle possenti braccia del contadino, che imprimendo manualmente la rotazione faceva si che il grano veniva triturato ed al termine dell’operazione veniva raccolta la farina.

Questa era la versione “domestica” della macina di tipo industriale, molto più grande e complessa, di cui oggi si trova un raro esemplare risalente all'anno 1951, sull’aiuola centrale di Piazza Alfredo di Dio a Fagnano Olona.

Altre macine di grandezza superiore venivano anche chiamate asinarie, per il semplice fatto che venivano azionate da animali come asini e cavalli.

Questo pezzo di storia ha avuto per diversi secoli una funzione simile alle macine anche se per un utilizzo più ridotto e limitato di prodotti, che ridotti in frantumi o in poltiglia erano ingredienti indispensabili per la preparazione di alimenti e vivande come il pane.

I mortai risalgono probabilmente al periodo neolitico, all’età della pietra e vennero utilizzati fino al 1800 compreso.

“Era alloggiato in una vecchia cascina di Via Dante ed è stato recuperato e conservato dalla famiglia di Rinaldo Selmo, che lo ha donato al Comune ed alla Pro Loco avendo avuto da sempre il desiderio di poterlo vedere esposto al castello. Prematuramente scomparso in un incidente stradale, la moglie ha voluto portare avanti le sue volontà fino ad oggi, quando grazie alla Pro Loco il mortaio è stato trasportato all’interno dell’antica fortezza medioevale” racconta lo storico cittadino Remo Faré.

Anche il Presidente della Pro Loco, Armida Macchi Porta, si definisce soddisfatta dell’operazione visto che da tempo se ne parlava e che conferma l’amore dimostrato per il proprio paese.

“Abbiamo portato questo antico mortaio al castello e stiamo già predisponendo un’opera di pulizia con un apposito trattamento antiossidante per conservare al meglio questo reperto che ora è qui in bella mostra e a disposizione di tutti, come ricordo tangibile della nostra storia passata”, conclude il Presidente.

Un utensile di serizzo pressoché identico a quello mostrato nelle foto è stato ritrovato a Bolladello all’angolo di Via Moncucco, a Peveranza sotto il portico di Via Bertani ed a Caronno Corbellaro nel cortile dell’Agriturismo Cereda.

Un altro autentico pezzo di storia originale salvato dall’oblio del dimenticatoio o peggio ancora della distruzione, che grazie ai donatori ed ai volontari della Pro Loco torna a risplendere ai giorni nostri all’interno del cortile medievale dell’antica fortezza cuore della vita civile della comunità fagnanese.

L'informazione - febbraio 2008

La Prealpina - febbraio 2008

Arte Varese

Informazioni raccolte dalla Pro Loco di Fagnano Olona

Tutti i diritti riservati. È possibile la riproduzione parziale purché se ne citi la fonte