Mariolina Venezia presenta “Via del Riscatto” – 14/12

La nota scrittrice Mariolina Venezia ha presentato il romanzo “Via del Riscatto”, a cui è ispirata la famosa serie televisiva di successo “Imma Tataranni, Sostituto procuratore”, campione di ascolti su RAIUNO.

La presentazione si è svolta al Castello Visconteo di Fagnano Olona (Piazza Cavour), lo scorso sabato 14 dicembre 2019 alle ore 17. Intervistata da Fausto Bossi, l’autrice racconterà la genesi del romanzo ed il collegamento con le sue precedenti pubblicazioni.

L’evento è organizzato dal Comune di Fagnano Olona – Assessorato alla Cultura, in collaborazione con la Pro Loco e la Libreria Millestorie.

Rispondendo alle domande poste da Bossi e dai tanti presenti in sala, Mariolina Venezia ha raccontato la genesi dei romanzi e della protagonista, Imma Tataranni. Figura che rispecchia lo stereotipo di donna lucana, ma che allo stesso tempo mostra una personalità forte e capace di seguire indagini all’apparenza complicate.

I grandi ascolti televisivi registrati dalla fiction che è stata tratta dai romanzi è sicuramente un segnale della passione e della bravura trasmessa dalle pagine di Venezia allo schermo.

«Bisogna essere in due perché la verità nasca: uno per dirla e l’altro per ascoltarla, ripeteva tra sé e sé la Tataranni mentre metteva in moto la Twingo».

Sguardo sulla trama: Imma Tataranni anche stavolta è la insuperabile protagonista che fastosamente, al di là della macchietta, diventa un personaggio che conquista il lettore, lo fa sorridere – ma ricordiamoci che quando c’è di mezzo un delitto e intrallazzi e soperchierie varie, magari anche riflettere – e lo costringe per forza ad andare avanti. Anche, è evidente, per scoprire come funziona la storia, sempre rigorosamente giallo tragicomica quindi, e soprattutto, per scoprire comunque come andrà a finire. Ma intanto andiamo a dare un’occhiata su cosa succede stavolta: scenario Matera medievale avvolta nel freddo bubbone di un pomeriggio di febbraio con Imma obbligata ad andare in giro per il centro storico con tutta o quasi la sacra famiglia del marito, più ospiti in vena turistica. E un botto rompe il silenzio, uno sparo? Imma si sa, non può resistere, deve dare un’occhiata, e nell’intrico dei vicoli medievali incrocia fugacemente una donna impellicciata che si dilegua subito inghiottita dalla nebbia che si sta alzando. Ma il giorno dopo in procura arriva la notizia: in un palazzo vicino a via del Riscatto – il famoso palazzo Sinagra che ha vissuto secoli di passati splendori ma ora è in vendita -, nell’inquietante stanza rossa con dipinti alle pareti che raffigurano i vizi capitali, è stato ritrovato il cadavere di un agente immobiliare, Antonello Ribba, ucciso con un colpo di pistola al cuore. Il palazzo gode di sinistra fama. Lo si dice addirittura frequentato dai fantasmi. Chi l’ha ucciso? Imma Tataranni si fa assegnare il caso e lo porta avanti piú scatenata, insofferente e peggio vestita che mai. Con lei torna in scena la sua pittoresca compagnia che stavolta si rivelerà preziosa per dare una mano . E come se non bastasse, la nostra Imma si immedesima pericolosamente in scivolosi sentimenti. che coinvolgono il fascinoso maresciallo Calogiuri…

Conosciamo l’autrice: Mariolina Venezia, scrittrice, sceneggiatrice e poetessa, è nata a Matera.
Nel 2007 ha vinto il premio Campiello con il romanzo «Mille anni che sto qui», saga familiare ambientata a Grottole, piccolo comune lucano.
Nel 2009 pubblica «Come piante tra i sassi», ambientato a Matera, poi il romanzo «Da dove viene il vento», edito sempre da Einaudi nel 2011.
Pubblica diverse raccolte di poesie e lavora come sceneggiatrice di fiction televisive, tra cui “La squadra” e “Don Matteo”.
Nel 2013 pubblica «Maltempo», che ha come protagonista Imma Tataranni, la stessa PM conosciuta in “Come piante tra i sassi”, protagonista dei successivi romanzi “Rione Serra Venerdì” e “Via del Riscatto” a cui ispirata la serie campione di ascolti su RAIUNO.